MULTICULTURITA SUMMER FEST 2021

Diciannovesima edizione del Multiculturita Summer Fest, che conferma la sede degli spazi antistanti il Sagrato della Reale Basilica pronti ad accogliere, nel rispetto delle vigenti disposizioni normative in tema di prevenzione Covid-19, tre concerti di pregio e spessore, con un attento sguardo alla musica pugliese.  Apre il 15 il combo «rock ‘n’roll modernista» made in Puglia Mr. Bricks & The Rubble. Il 16 sarà la volta di uno tra i cantautori più amati d’Italia: Mario Venuti con la sua eccellente terna di musicisti per presentare la produzione del suo tour estivo. Il 17 si chiude con la stella nascente del pop italiano: Gaia Gentile che presenterà il suo primo lavoro discografico “Sono Fuori”, che ha già registrato un plebiscito di consensi di critica e di pubblico.

Si terrà dal 15 al 17 luglio la XIX edizione per il Multiculturita Summer Fest, il festival organizzato dall’associazione Multiculturita JS, nell’ambito del cartellone L’Estate e l’Allegria promosso dall’amministrazione comunale di Capurso, e con il supporto promozionale di Jazzitalia.

Il festival si conferma uno dei pochi e attesi eventi estivi pugliesi e si terrà nel rispetto delle prescrizioni normative intese a prevenire la diffusione del Sars Covid-19. Proprio in ragione di tali disposizioni, per questa edizione non sarà presente il consueto Jazz Village, così come non si terrà il Multiculturita Art Contest.

Nelle precedenti edizioni, la kermesse capursese si è sempre contraddistinta per aver portato in Puglia progetti innovativi ed esclusivi, come: Pat Metheny e Brad Mehldau Quartet, Enrico Rava, Rossana Casale, Danilo Rea, Funk Off, Goodfellas, Nick The Nightfly, Sarah Jane Morris e Montecarlo Orchestra, Tullio De Piscopo, Peppe Servillo, Abraham Inc., Manu Katchè, Bill Evans e Robben Ford, Mina Agossi, Quintorigo, Simona Bencini, Arturo Sandoval, Marcus Miller, The Manhattan Transfer, Gino Paoli, Stefano Bollani, Stefano Di Battista, Billy Cobham, Ana Maria Jopek, Pino Minafra Minafric, Roy Paci, Doctor 3, Antonio Sanchez, James Senese, Karima, Fabio Concato, Raiz, Peppino Di Capri, Tosca, Mauro Ottolini, Patrizia Laquidara, Nino Buonocore, Rosalia de Souza, tra i tantissimi musicisti che vi hanno preso parte.

L’organizzazione ha voluto dare particolare visibilità ai progetti pugliesi, scegliendone alcuni di maggiore impatto e creatività. E, complice la meravigliosa architettura della Reale Basilica capursese, sarà proprio un gruppo pugliese ad aprire la kermesse giovedì 15 luglio (ore 21) Mr. Bricks & The Rubble, al secolo: Mr. Bricks Dario Mattoni (voce e chitarra), Francesco Lomangino (sassofoni), Dado Penta (contrabbasso), Giuseppe Santorsola (batteria).

Un combo rock’n’roll “modernista” che fonde i suoni autentici del jukebox americano degli anni ’50 con le inflessioni del rhythm and blues contemporaneo. Attingendo a influenze come JD McPherson, Nick Curran, Nick Waterhouse e Heavy Trash di Jon Spencer, il gruppo ha già riscosso successo con il loro album di debutto Busy e ha nel suo curriculum tour sia in Italia che nel Regno Unito, grazie anche al contributo dell’ente regionale Puglia Sounds.

Venerdì 16 luglio arriva a Capurso uno dei cantautori più amati in Italia e all’estero: Mario Venuti. L’amore per il Brasile e per le sonorità sudamericane sono una costante nella carriera di Venuti, che in questo tour estivo proporrà, al fianco dei brani più importanti del suo repertorio, alcune delle canzoni che faranno parte del nuovo disco. Con lui sul palco una terna di eccellenti musicisti: Tony Canto (chitarra e cori), Vincenzo Virgillito (contrabbasso), Neney Bispo Dos Santos (percussioni).

Nato il 28 Ottobre del 1963, agli inizi degli anni 80 Mario è a Catania, dove incontra tre giovani musicisti con cui forma i Denovo. Esordisce da solista nel 1994 con l’album “Un po’ di febbre” (1994), del quale il singolo “Fortuna” si rivela una vera e propria hit radiofonica. Nel 1996, con “Microclima” riceve il Premio Max Generation. Nel 1997 partecipa a Sanremo Giovani con “Il più bravo del reame”, anticipando “Mai Come Ieri” Album che lo consacrerà, soprattutto grazie al fortunatissimo duetto del brano omonimo, con Carmen Consoli. A Gennaio del 2003 pubblica “Grandimprese”. Dieci canzoni, anticipate dal singolo “Veramente”, tra cui spicca anche una cover di “Monnalisa” di Ivan Graziani. La popolarità di Mario esplode attraverso la radio e le televisioni che trasmettono, senza sosta, “Veramente” e il relativo videoclip. A Marzo 2004, Mario sale sul palco di Sanremo, per la 54° edizione del Festival della Canzone Italiana. La sua “Crudele” vince due premi importanti e prestigiosi: il Premio Mia Martini /Premio della Critica, e il Premio Radio e TV Private. “. Il 3 marzo 2006, per Universal, esce “Magneti”, con “Un altro posto nel mondo” otterrà poi nel 2008 la nomination ai Nastri D’Argento come migliore canzone. Ad ottobre 2009 Mario pubblica il settimo album da solista, “Recidivo”, sempre di ottobre 2009, l’uscita di The Universal Music Collection, 5 cd che testimoniano una lunga carriera e un dvd con le immagini del concerto del Teatro Antico di Taormina nel 2006. Nel 2012 pubblica “L’Ultimo Romantico”. Nel 2014 esce l’album “Il Tramonto dell’Occidente” scritto e musicato con Francesco Bianconi e Kaballà. Nel 2016 decide di rivisitare con gli Urban Fabula in chiave Jazz i classici della canzone italiana e internazionale e canzoni del proprio repertorio, dando vita al progetto Mario Meets Jazz. Nel 2017 pubblica “Motore di vita” (Microclima-Puntoeacapo/Believe Digital). Nel 2019 esce il 10° album SOYUZ 10, a marzo del 2020 sul canale YT ufficiale viene pubblicata la serie “Casacasa Live Session”: una raccolta di sette live in cui l’artista ha eseguito alcuni dei suoi brani più famosi direttamente dal salotto di casa sua.

Il festival capursese si chiude sabato 17 luglio, allorquando il Sagrato della Reale Basilica, accoglierà l’entusiasmante live della vocalist pugliese Gaia Gentile che presenterà il suo esordio discografico Sono Fuori. Un disco che nasce con l’intento di trasmettere un messaggio sincero e schietto: senza l’utilizzo di troppe parole, racconta di una personalità genuina che non ha paura di esporsi, dove la musica parla pop d’autore con contaminazioni elettroniche che supportano l’intimità dei pezzi. Un album che coniuga il pop, la dance, le armonie jazz fino ad arrivare alla canzone d’autore. Ogni brano racconta le mille sfaccettature di Gaia Gentile: una ragazza piena di vita, perdutamente innamorata dei suoi due bei pastori maremmani, che “ha sempre fame” di emozioni e che si “gasa” quando la musica suonata dallo strumento fisico convive con la musica elettronica. Sul palco, oltre a Gaia Gentile ci saranno: Nicolò Pantaleo (sax baritono), Paolo Debenedetto (sax conralto), Antonello Boezio (chitarra), Gabriele Semeraro (pianoforte), Mario Guarini (basso), Frums (batteria).

Gaia Gentile, nata in provincia di Bari, coltiva già da bambina la passione del canto, unendola sin da subito allo studio del pianoforte. A soli 17 anni comincia la sua carriera professionale, sia da solista che in gruppi vocali e orchestre, partecipando a diversi concerti e festival in tutto il mondo (Algeria, Thailandia, Inghilterra, Argentina, ecc.). È stata vocalist nel programma Ballando con le stelle di Milly Carlucci. Ha conseguito il diploma presso “L’Accademia Artisti” di Roma per poter abbinare alla musica lo studio e la passione per il teatro. Nel 2020 debutta con lo spettacolo “Gaia Gentile…ma non troppo!” con il quale mette in mostra la sua personalità stravagante, omaggiando i cantautori italiani con i quali l’artista ha collaborato durante il suo percorso artistico, da Caparezza a Capossela, Dalla, Silvestri e Noa.

Info Biglietteria

I Queen a Storie di Vinile & Cinema. Canzoni, parole, libri, danza e persone.

WhatsApp Image 2019-07-02 at 23.27.34 (1)Nuovo appuntamento con il vinile: tra musica, parole, libri, filosofia, danza e cinema. Centoventi minuti dedicati a un disco, al suo autore, alla storia. L’innovativo progetto ideato da Michele Laricchia con l’ausilio di Vito Prigigallo, e organizzato dall’amministrazione comunale di Capurso in collaborazione con le associazioni culturali Multiculturita J.S. e Kirikù, prenderà il via, martedì 9 e mercoledì 10 luglio (inizio ore 20.30), presso la Villa Comunale di Capurso, e per questa Summer Edition, prevede tre doppi appuntamenti, con la proiezione di film “sul tema”.
La prima serata,
martedì 9 luglio, sarà interamente dedicata ai Queen. Sarà ripercorso l’intenso percorso artistico della rock band inglese, costellato di indiscussi successi.
L’occasione sarà propizia anche per affrontare i principali avvenimenti del 1986, anno della registrazione del vinile
Live at Wembley uscito poi nel 1992.

queen-theworks
Un appuntamento importante anche per la partecipazione straordinaria
della scuola Galleria della Danza, diretta da Antonella Serini che darà il via alla rassegna Capurso Danza, con scenografie dedicata alla leggendaria band di Freddie Mercury.
Inoltre, come sempre, alla musica dei Queen, faranno da corollario libri, parole, aneddotica e film del 1986.
Ospiti della serata, saranno:
Vito Prigigallo, giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno; Mariangela Giordano, esperta in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale, che tratterà di libri e film; Michele Laricchia, ideatore del Multiculturita Summer Jazz Festival, vicesindaco del comune di Capurso e Mariella Procaccio, educatrice filosofica.

Nella seconda serata, mercoledì 10 luglio, sempre alle ore 20,30, l’attesa proiezione del film vincitore di 4 premi Oscar, Bohemian Rhapsody, diretto da Bryan Singer, che racconta i primi quindici anni del gruppo, dalla nascita della band nel 1970 fino al Live Aid del 1985.

WhatsApp Image 2019-07-02 at 23.27.34

Prossimi appuntamenti con Storie di Vinile & Cinema, il 24 e 25 luglio con Ray Charles e il film Green Book, e il 31 luglio e 1 agosto, con Bruce Springsteen e il film A star is Born.

Posto a sedere gratuito fino a esaurimento posti.
Informazioni. Ufficio cultura comune di Capurso: 080.4551124.

 

Multiculturita Summer Fest: Laquidara, Bungaro e Buonocore per la XVII edizione

XVII edizione del Multiculturita Summer Fest, che conferma la sede degli  spazi antistanti il Sagrato della Reale Basilica pronti ad accogliere tre concerti di particolare pregio e spessore, all’insegna dell’incontro tra il jazz e le altre musiche.  Apre il 17 una tra le figure più poliedriche e brillanti della nuova musica d’autore, Patrizia Laquidara; il 18 sarà la volta di uno dei più raffinati autori e compositori italiani, Bungaro; mentre la chiusura spetterà a un altro indiscusso protagonista della canzone italiana, il compositore, arrangiatore e produttore Nino Buonocore. Anche quest’anno confermato il Jazz Villlage, dove sarà possibile degustare prodotti tipici di qualità del territorio e il MAC – Multiculturita Art Contest con la direzione artistica di Rocco De Sario.

Si terrà dal 17 al 19 luglio la XVII edizione per il Multiculturita Summer Fest, il festival organizzato dall’associazione Multiculturita JS, con il contributo e il patrocinio del Comune di Capurso nell’ambito del cartellone Estate della Cultura, e con il supporto promozionale di Jazzitalia, che si conferma uno degli appuntamenti più attesi dell’estate festivaliera pugliese.

Nelle precedenti edizioni, la kermesse capursese si è sempre contraddistinta per aver portato in Puglia progetti innovativi ed esclusivi, come: Pat Metheny e Brad Mehldau Quartet, Enrico Rava, Rossana Casale, Danilo Rea, Funk Off, Goodfellas, Nick The Nightfly, Sarah Jane Morris e Montecarlo Orchestra, Tullio De Piscopo, Peppe Servillo, Abraham Inc., Manu Katchè, Bill Evans e Robben Ford, Mina Agossi, Quintorigo, Simona Bencini, Arturo Sandoval, Marcus Miller, The Manhattan Transfer, Gino Paoli, Stefano Bollani, Stefano Di Battista, Billy Cobham, Ana Maria Jopek, Pino Minafra Minafric, Roy Paci, Doctor 3, Antonio Sanchez, James Senese, Karima, Fabio Concato, Raiz, Peppino Di Capri, Tosca, Mauro Ottolini, tra i tantissimi musicisti che vi hanno preso parte.

Visto il successo della precedente edizione, anche quest’anno nello spazio antistante il Sagrato della Reale Basilica Santa Maria del Pozzo, ci sarà il Jazz Village, dove sarà possibile degustare prelibatezze gastronomiche pugliesi e birre artigianali ascoltando ottima musica jazz.
Si conferma anche MAC – Multiculturita Art Contest con la direzione artistica di Rocco De Sario.

patrizia_laquidara_©barbara_rigon_01

Il main stage si riconferma lo splendido scenario offerto dalla Reale Basilica capursese, che mercoledì 17 luglio (ore 21) ospiterà la cantautrice Patrizia Laquidara, che presenterà, in esclusiva per la Puglia, il suo nuovo progetto discografico C’è qualcosa che ti riguarda. Patrizia Laquidara è stata definita dalla critica “una firma talmente personale da risultare unica”, “un’artista capace di assoluta credibilità” e “una delle voci più intense e liriche della nostra musica cosiddetta leggera”, “una compositrice in grado di innovare la musica d’autore”. Il suo nuovo live “C’è qui qualcosa che ti riguarda”, che prende il nome dal suo ultimo album uscito a fine ottobre 2018, restituisce con un mood vitale ed emozionante le atmosfere cangianti di questo suo ultimo lavoro discografico. Un lavoro accolto con entusiasmo dalla critica e dal suo pubblico.  Con la voce e la chitarra di Patrizia Laquidara, sul palco del Multiculturita, ci saranno Davide Repele (chitarre, cori), Daniele Santimone (chitarre, cori), Stefano Dallaporta (basso, elettronica, cori), Nelide Bandello (batteria, elettronica, cori).

Nino Buonocore

 

Giovedì 18 luglio, ore 21, ospite del Multiculturita Summer Festival, sempre in esclusiva regionale, l’elegante live del cantautore, arrangiatore e produttore Nino Buonocore, che ripercorrerà la sua carriera con una band d’eccezione, contaminandosi con le improvvisazioni del jazz. Dal suo repertorio, che dagli anni Settanta si estende fino ai giorni nostri con brani quali “Scrivimi“, “Rosanna” (Sanremo 1987), “Tra le cose che ho” e “Sabato domenica lunedì” – ormai divenuti classici della musica italiana – qui riarrangiati e impreziositi dalle improvvisazioni solistiche e dalle divagazioni jazzistiche. Non è la prima volta che il cantautore partenopeo incontra il jazz. Basti ricordare le collaborazioni con artisti quali Chet Baker – nel 33 giri “Una città fra le mani”, con James Senesefra gli altri – Nicola Stilo, il bassista Anthony Jackson, il percussionista Paulinho Da Costa e il batterista Danny Gottlieb. Autore, produttore e arrangiatore, Nino Buonocore produce il primo album degli Avion Travel, ma rimane fondamentale per la sua ricerca la collaborazione con i membri della band fusion Steely Dan con cui realizza nell’89 l’album che verrà pubblicato nel 1990 con il titolo “Sabato domenica e lunedì”. A dividere il palco con Buonocore ci sarà un quartetto di jazzisti di vaglia: Antonio Fresa (pianoforte), Antonio De Luise (contrabbasso), Amedeo Ariano (batteria) e un ospite speciale: il sassofonista Max Ionata.

Bungaro_Foto di Giovanni Buonomo (2)

 

La kermesse capursese si chiuderà venerdì 19 luglio, ore 21, con il progetto musicale di uno dei più famosi e raffinati autori della canzone italiana: Bungaro. Maredentro, dove il sentimento sposa la parola poetica e una composizione colta contemporanea, Bungaro esprime la sua passione per le atmosfere sonore suggestive e melodie evergreen attraverso una combinazione armonica che lo ha portato, di volta in volta, a vestire differenti personalità musicali, identificandosi in universi poliedrici ma allo stesso tempo inconfondibili.  Una Special Edition dell’album è stata pubblicata il 9 febbraio (con una versione di “Imparare ad amarsi” interamente interpretata dallo stesso Bungaro, insieme ad altri due inediti, “Le previsioni della mia felicità” e “Amore del mio amore”. Tra i maggiori successi del disco, la canzone “Perfetti Sconosciuti” e la  cover in salentino de “L’ombelico del mondo” di Jovanotti. Sul palco con Bungaro ci saranno i suoi fidati musicisti, parte integrante del progetto: Antonio Fresa al pianoforte, Antonio De Luise al contrabbasso e Marco Pacassoni al vibrafono e batteria.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Info: 347.6504664 – info@multiculturita.it  

Website: www.multiculturita.it

 

Alceste Ayroldi – Responsabile Comunicazione
Multiculturita Summer Fest – 339/2986949

Storie di Vinile: Mia Martini e il 1989

mia martiniNuovo  appuntamento con il vinile: tra musica, parole, libri, filosofia, cinema e arte. Novanta minuti dedicati a un disco, al suo autore, alla storia. L’innovativo progetto ideato da Michele Laricchia con l’ausilio di Vito Prigigallo Luca Basso, e organizzato dall’amministrazione comunale di Capurso in collaborazione con le associazioni culturali Multiculturita J.S. e Kirikù, si svolgerà a Capurso sabato 2 marzo (inizio ore 20), presso la Palazzo “G. Venisti”.
L’appuntamento sarà interamente dedicato a Mia Martini. Sarà ripercorso il lungo percorso artistico della Sorella maggiore di Loredana Bertè, considerata insieme a Mina una delle voci femminili più belle ed espressive della musica leggera italiana di sempre, caratterizzata dal suo essere sofisticata e con una forte intensità interpretativa.
L’occasione sarà propizia anche per affrontare i principali avvenimenti del 1989, anno dell’album “Martini Mia…” e del successo sanremese “Almeno tu nell’universo”.
Inoltre, come sempre, alla musica di Mia Martini faranno da corollario libri, parole, aneddotica e film del 1989.
Ospiti della serata, saranno: Alceste Ayroldi, docente, saggista e critico musicale; Vito Prigigallo, giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno;  Mariangela Giordano, esperta in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale, che tratterà di libri e film; Mariella Procaccio, educatrice filosofica; Michele Laricchia, ideatore del Multiculturita Summer Jazz Festival, vicesindaco del comune di Capurso.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.
Informazioni. Ufficio Cultura Comune di Capurso: 080.4551124.

Storie di Vinile presenta Ennio Morricone: buon compleanno Maestro!

evento morriconeNuovo  appuntamento con il vinile: tra musica, parole, libri, arte ed enogastronomia. Novanta minuti dedicati a un disco, al suo autore, alla storia. L’innovativo progetto ideato da Michele Laricchia con l’ausilio di Vito Prigigallo e Luca Basso, e organizzato dall’amministrazione comunale di Capurso in collaborazione con le associazioni culturali Multiculturita J.S. e Kirikù, si svolgerà a Capurso sabato 10 novembre (inizio ore 20), presso la biblioteca comunale “D’Addosio”.
L’appuntamento sarà interamente dedicato a Ennio Morricone per il suo novantesimo genetliaco. Sarà ripercorso il lungo percorso artistico del grande compositore romano, costellato di successi non solo nell’ambito della musica per film, ma anche attraverso le sue principali opere di “musica assoluta” (come Morricone ama definirla).
L’occasione sarà propizia anche per affrontare i principali avvenimenti dell’anno di nascita di Ennio Morricone: il 1928.
Un appuntamento importante anche per la partecipazione straordinaria di Dimensione Danza con le coreografie di Lucrezia Cafarchio.
Inoltre, come sempre, alla musica di Ennio Morricone faranno da corollario libri, parole, aneddotica e film del 1968.
Durante la serata sarà possibile degustare le ottime birre artigianali del birrificio Caput Ursi del mastro birraio Eligio Romanazzi.
Ospiti della serata, saranno: Vito Prigigallo, giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno;  Mariangela Giordano, esperta in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale, che tratterà di libri e film; Michele Laricchia, ideatore del Multiculturita Summer Jazz Festival, vicesindaco del comune di Capurso e Alceste Ayroldi, docente, saggista e critico musicale.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.
Informazioni. Ufficio cultura comune di Capurso: 080.4551124.

peppino di capri capurso

MULTICULTURITA SUMMER JAZZ FESTIVAL 2018

XVI edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival, che conferma la sede degli  spazi antistanti il Sagrato della Reale Basilica pronti ad accogliere tre concerti di particolare pregio e spessore, all’insegna dell’incontro tra il jazz e le altre musiche.  Il 17 la scena spetterà alla ben nota cantante e autrice Tosca; il 18 sarà la volta del large ensemble capitanato dal vulcanico trombonista Mauro Ottolini, mentre la chiusura spetterà a uno tra i più conosciuti cantanti italiani nel mondo: Peppino Di Capri con al fianco tre eccellenti jazzisti.

Si terrà dal 17 al 19 luglio la XVI edizione per il Multiculturita Summer Jazz Festival, il festival ideato da Michele Laricchia nel 2003 e organizzato dall’associazione Multiculturita JS, con il contributo e il patrocinio del Comune di Capurso nell’ambito del cartellone Estate della Cultura, e con il supporto promozionale di Jazzitalia, che si conferma uno degli appuntamenti più attesi dell’estate festivaliera pugliese.

Nelle precedenti edizioni, la kermesse capursese si è sempre contraddistinta per aver portato in Puglia progetti innovativi ed esclusivi, come: Pat Metheny e Brad Mehldau Quartet, Enrico Rava, Rossana Casale, Danilo Rea, Funkoff, Goodfellas, Nick The Nightfly, Sarah Jane Morris e Montecarlo Orchestra, Tullio De Piscopo, Peppe Servillo, Abraham Inc., Manu Katchè, Bill Evans e Robben Ford, Mina Agossi, Quintorigo, Simona Bencini, Arturo Sandoval, Marcus Miller, The Manhattan Transfer, Gino Paoli, Stefano Bollani, Stefano Di Battista, Billy Cobham, Ana Maria Jopek, Pino Minafra Minafric, Roy Paci, Doctor 3, Antonio Sanchez, James Senese, Karima, Fabio Concato, Raiz, tra i tantissimi musicisti che vi hanno preso parte.

La mission del Multiculturita è quella di divulgare e far conoscere tutte le declinazioni della musica afroamericana. Ed è questo il motivo per cui l’associazione proponente ha dato vita a un cartellone policromo.

Il main stage si riconferma lo splendido scenario offerto dalla Reale Basilica capursese, che martedì 17 luglio (ore 21) ospiterà la cantante e attrice Tiziana “Tosca” Donati , la cui voce ha ben pochi paragoni in Italia, che presenterà, in esclusiva per la Puglia, il suo nuovissimo progetto discografico Appunti musicali dal mondo. Uno spettacolo di suoni e parole che conduce l’artista e lo spettatore attraverso un percorso poetico ed emozionante, anche grazie al sapiente utilizzo di lingue molto lontane fra loro.Tosca

Un “racconto in musica” che passa da un fado portoghese a una ninna nanna russa, da un canto sciamano, a un tradizionale dei matrimoni yiddish, da una ballata zingara fino ad approdare alle nostre sponde popolari napoletane, romane e siciliane, inframmezzando il tutto con le parole di grandi poeti del mondo. Insieme a Tosca sul palco grandi musicisti polistrumentisti come Giovanna Famulari al pianoforte e violoncello e Massimo De Lorenzi alle chitarre e le virtuose sorelle Fabia e Alessia Salvucci.

Mercoledì 18 luglio (ore 21) Capurso accoglierà il rutilante e acclamatissimo large ensemble del trombonista e compositore Mauro Ottolini. Una piccola orchestra chiamata Ottovolante, come la prima trasmissione di Garinei e Giovannini con Guido Sacerdote, è l’artefice di un bellissimo omaggio alla musica italiana del dopoguerra, in chiave jazz swing, mambo: Buscaglione, Carosone, Modugno, Celentano, Natalino Otto, Xavier Cougat, Kramer, Trio Lescano, sono solo alcuni degli autori omaggiati dal repertorio dell’orchestra.mauro ottolini ottovolante capurso

Il loro concerto è un vivace revival di sonorità che hanno scandito un momento storico cruciale
anche per la sua rinascita musicale ed ai suoi massimi esponenti, solisti di gran carattere, destinati ad imprimere per sempre la loro firma nella storia di un’arte italiana poi  esportata in tutto il mondo! La piccola orchestra di Mauro Ottolini, qui anche cantante e trombonista, riunisce una band di undici eccezionali strumentisti e si ispira alle orchestre dei primi varietà di Rete Uno che fecero diventare noti al grande pubblico musicisti, direttori d’orchestra ed autori come Gorni Kramer, Pippo Barzizza, Carlo Alberto Rossi, Armando Trovaioli, Ennio Morricone. Sul palco con il caporchestra ci saranno: Paolo Malacarne, Tromba; Gabriele Bolcato, tromba; Simone Pederzoli, trombone; Matteo Del Miglio, Trombone basso; Andrea Pimazzoni, sax tenore; Stefano Menato, sax baritono; Enrico Peduzzi, sax alto; Roberto De Nittis, piano; Giulio Corini, contrabbasso; Paolo Mappa, batteria.

L’evento è in esclusiva per il Multiculturita SJF.

La kermesse capursese si chiude giovedì 19 luglio, sempre in esclusiva regionale per festeggiare i sessant’anni di carriera di uno tra cantanti italiani più noti al mondo: Peppino Di Capri, che sarà accompagnato da una terna di eccellenti jazzisti: il pianista statunitense Emmet Cohen, il contrabbassista lucano Giuseppe Venezia e il batterista partenopeo Elio Coppola.peppino di capri gruppo

“Da Roberta a Champagne in chiave jazz per i suoi sessant’anni di carriera” è un progetto nato dalla comunione di intenti del trio e di Di Capri. Il trio nasce a New York nell’ottobre del 2012, in seguito alla partecipazione di Coppola e Venezia all’ Italian Jazz Days, il festival dedicato al jazz italiano nella Grande Mela. I due amici scoprono il giovane prodigio del piano Emmet Cohen in un jazz club newyorkese ed è subito intesa. Nemmeno l’uragano Sandy che si abbatté quell’anno sulla città di New York impedisce ai tre di registrare il primo disco Infinity. Tra i brani registrati nel disco c’è anche un omaggio al grandissimo Peppino Di Capri, con una versione struggente della sua Nun è Peccat.

Nel 2016 l’album viene presentato al festival jazz di Capri dove nel pubblico c’è proprio Peppino Di Capri che rimasto meravigliato da quella versione cosi particolare decide di condividere la sua musica con il trio. Nasce cosi questa inedita collaborazione che ripropone in chiave jazz alcuni dei più grandi successi del maestro, da Roberta a Champagne senza tralasciare alcuni tra i più famosi standard della canzone afroamericana che Peppino Di Capri spesso cantava agli esordi della sua carriera nei nightclub, impreziositi dagli interventi del giovane pianista americano, uno dei più virtuosi della sua generazione e vera e propria rising star negli Stati Uniti d’America.

Abbonamenti: 40 euro per tutte e tre i concerti (posto a sedere numerato).

Biglietti per concerto di Peppino Di Capri: Primo Settore 30 euro; Secondo Settore 25 euro; Terzo Settore 20 euro.

Info: 347.6504664

Prevendite:

> Box Office c/o Feltrinelli Libri e Musica, via Melo n. 119 – 080.524.0464 – Bari
Centro Musica, Corso Vittorio Emanuele n. 165/C – 080.521.1777 – Bari
> Libreria La Sapientia, via Madonna del Pozzo n. 43 – 080.455.0784 – Capurso
> Tabaccheria Nitti, via Lattanzio n. 10 – 080.455.9720– Capurso.

Storie di vinile: Francesco De Gregori, Rimmel e il 1975. Ma non solo.

DTORIE DI RIMMEL
Nuovo  appuntamento con il vinile: tra musica, parole, libri e arte. Novanta minuti dedicati a un disco, al suo autore, alla storia. L’innovativo progetto ideato da Michele Laricchia con l’ausilio di Vito Prigigallo e Luca Basso, e organizzato dall’amministrazione comunale di Capurso in collaborazione con le associazioni culturali Multiculturita J.S. e Kirikù, si svolgerà a Capurso, presso la biblioteca comunale “D’Addosio”.
Sabato 12 maggio (ore 20) l’appuntamento sarà dedicato al grande cantautore italiano Francesco De Gregori partendo dall’album del 1975 Rimmel. Il piccolo capolavoro della musica autorale italiana sarà il pretesto per parlare del percorso artistico del musicista romano, per ascoltare alcuni altri suoi preziosi lavori, del suo impegno politico. Come sempre, faranno da corollario libri, parole, aneddotica e film del 1975.
de gre
Ospiti della serata, saranno: Vito Prigigallo, giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno;  Mariangela Giordano, esperta in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale, che tratterà di libri e film; Michele Laricchia, ideatore del Multiculturita Summer Jazz Festival, vicesindaco del comune di Capurso, Alceste Ayroldi, docente, saggista e critico musicale e Alfonso Boezio, profondo conoscitore della musica di Francesco De Gregori.
Ingresso libero fino a esaurimento posti.
Informazioni. Ufficio cultura comune di Capurso: 080.4551124.

Storie di Vinile: il 1968, Aretha Franklin e Lady Soul.

aretha-franklinNuovo appuntamento con il vinile, tra musica, parole, libri, arte e cinema. Novanta minuti dedicati a un disco, al suo autore, alla storia. L’innovativo progetto ideato da Michele Laricchia, con l’ausilio di Vito Prigigallo e Luca Basso, e organizzato dall’amministrazione comunale di Capurso in collaborazione con le associazioni culturali Multiculturita J.S. e Kirikù, si svolgerà a Capurso, presso la biblioteca comunale “D’Addosio”.
1968 time
Sabato 7 aprile, ore 20, l’appuntamento sarà dedicato a una cantautrice e pianista statunitense, icona per eccellenza della musica gospel, soul e R&B: Aretha Franklin e, in particolare, all’album Lady Soul, licenziato nel 1968.
L’occasione sarà propizia per una carrellata sul brillante percorso artistico della cantante, che, nel corso della sua carriera ha vinto 21 Grammy Awards e pubblicato ben 52 album.
Inoltre, come sempre, alla musica di Lady Soul, faranno da corollario libri, parole, aneddotica e film del 1968.
aretha q
Ospiti della serata, saranno Vito Prigigallo, giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno, Mariangela Giordano, esperta in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale, Alceste Ayroldi, docente, saggista e critico musicale e Michele Laricchia, ideatore del Multiculturita Jazz Festival.
Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Informazioni:
Ufficio cultura | Comune di Capurso: 080.4551124.
Facebook | CapursoCultura – Multiculturita Jazz Festival

Storie di Vinile: appuntamento con gli U2 e gli ottimi Stain. Sold Out in biblioteca.

U2 DI VINILEInteressante appuntamento con il vinile, lo scorso sabato 17 marzo, in biblioteca a Capurso, tra musica, parole, libri, arte, cinema e racconti. Novanta minuti dedicati a un disco, al suo autore, alla storia. L’innovativo progetto ideato da Michele Laricchia con l’ausilio di Vito Prigigallo e Luca Basso, e stato organizzato dall’amministrazione comunale di Capurso in collaborazione con le associazioni culturali Multiculturita J.S. e Kirikù.
Al centro dell’attenzione, la rock band irlandese per eccellenza, gli U2 e, in particolare, l’album War, licenziato nel 1983.
A una carrellata sulla brillante carriera di Bono & C., hanno fatto da corollario libri, parole, aneddotica e film del 1983.

Ospiti della serata: Vito Prigigallo, giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno, Mariangela Giordano, esperta in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale, Michele Laricchia, ideatore del Multiculturita Summer Jazz Festival, vicesindaco del comune di Capurso e la rock band capursese “Stain”. Sala piena in ogni ordine e posto. Prossimo appuntamento con il 1968, Aretha Franklin e l’album Lady Soul.

 

Mina, Studio 1 e il ’65. Torna Storie di Vinile.

Mina_1Nuovo appuntamento con il vinile: tra musica, parole, libri, arte ed enogastronomia. Novanta minuti dedicati a un disco, al suo autore, alla storia. L’innovativo progetto ideato da Michele Laricchia con l’ausilio di Vito Prigigallo e Luca Basso, e organizzato dall’amministrazione comunale di Capurso in collaborazione con le associazioni culturali Multiculturita J.S. e Kirikù, si svolgerà a Capurso, presso la biblioteca comunale “D’Addosio”.
Venerdì 2 febbraio (ore 20) l’appuntamento sarà dedicato alla voce per eccellenza, la tigre di Cremona: Mina e, in particolare, all’album Studio 1, licenziato nel 1965, ristampato dalla Rca nel 1997.
L’occasione sarà propizia per una carrellata sul brillante percorso artistico della cantante, presentatrice, attrice e produttrice discografica che, nel corso della sua carriera ha venduto oltre 100 milioni di dischi e interpretato più di 1.500 brani.
Inoltre, come sempre, alla musica di Mina faranno da corollario libri, parole, aneddotica e film del 1965.
Ospiti della serata, saranno: Vito Prigigallo, giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno; Mariangela Giordano, esperta in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale, che tratterà di libri e film; Michele Laricchia, ideatore del Multiculturita Summer Jazz Festival, vicesindaco del comune di Capurso e Alceste Ayroldi, docente, saggista e critico musicale.
Ingresso libero fino a esaurimento posti.mina studio 1

Informazioni:
Ufficio cultura | Comune di Capurso: 080.4551124.
Facebook | CapursoCulturaMulticulturita Jazz Festival